Coronavirus, Cannavaro: "Tenete duro in Italia, poi c'è la luce" - I AM CALCIO ISERNIA

Coronavirus, Cannavaro: "Tenete duro in Italia, poi c'è la luce"

Fabio Cannavaro nella sua Napoli
Fabio Cannavaro nella sua Napoli
ItaliaRubriche

Fabio Cannavaro, ex capitano della Nazionale Azzurra Campione del Mondo nel 2006, ritorna sul tema dell'emergenza legata al contagio da Coronavirus (COVID-19): "Venerdì le due settimane di quarantena, per me, finiranno e potrò finalmente uscire. Mi hanno rifatto ancora una volta il tampone e sono risultato negativo. Sarà una bella sensazione passeggiare tra la gente, con i locali aperti".

Cannavaro poi sottolinea: "Vorrei che questo ottimismo arrivasse all'Italia. Qui c'è voglia di ricominciare. Bisogna solo tener duro restando in casa, poi c'è la luce".

Fabio ha donato 30mila mascherine all'ospedale Cotugno di Napoli: "Non amo parlare di queste cose. Quelli come me è giusto che si impegnino in prima persona. Questa cosa la sentivo mia, per stare vicino in qualche modo alla mia gente e non ho voglia di pubblicizzarlo".

"Insieme agli altri Campioni del Mondo 2006 stiamo sostenendo una raccolta fondi per la Croce Rossa. Tutti possono fare la loro parte donando quanto possibile. Abbiamo già superato i 300mila euro. Acquisteremo ambulanze da mettere al più presto al servizio della Croce Rossa Italiana", conclude Cannavaro.

Giuseppe Fragola