Torrevecchia: costa cara l’intemperanza dei tifosi. Stadio chiuso - I AM CALCIO ISERNIA

Torrevecchia: costa cara l’intemperanza dei tifosi. Stadio chiuso

I tifosi del Torrevecchia
I tifosi del Torrevecchia
CampobassoPrima Categoria

Nei giorni scorsi c'erano state le accuse dei dirigenti della Pol. Kalena, che avevano denunciato intimidazioni, minacce e lancio di oggetti contro il pulmino dei giocatori. I pugliesi, con un comunicato, si erano scusati, affermando che il tutto era stato opera di ragazzi minorenni. Oggi, il giudice sportivo, visto il referto del commissario di campo, ha desiso di chiudere lo stadio di Torremaggiore ai tifosi. I pugliesi giocheranno una gara dei playoff a porte chiuse.

DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO

Gara del 28/ 4/2019

TORREVECCHIA CALCIO - POLISPORTIVA KALENA 1924

Il Giudice Sportivo Territoriale,

letto il referto del commissario di campo ed il relativo supplemento rileva che per tutta la durata della gara, ed in particolare nel corso del secondo tempo, propri sostenitori tenevano condotta oltraggiosa ed offensiva e rivolgevano frasi di chiara discriminazione razziale all’indirizzo di calciatori avversari. Verso la fine gara calciatori locali invitavano i sostenitori facinorosi ad interrompere la loro condotta discriminatoria. Dopo la fine della gara, i sostenitori locali si recavano presso il cancello principale di ingresso dove, nel frattempo, erano entrati sei sostenitori ospiti, e rivolgevano loro insulti e minacce. L’intervento fattivo del presidente e del vicepresidente locali che cercavano in tutti i modi di calmare i più esagitati di loro. A questo punto i calciatori ed i sostenitori ospiti raggiungevano le proprie autovetture ed il pulmino per ripartire. A questo punto sbucava una moto con a bordo due sostenitori locali che lanciavano un tubo in plastica dura in direzione degli ospiti, senza colpire. Per tutti questi motivi, visti gli artt. 11 e 18 CGS

D E C I D E

1) di infliggere alla società Torrevecchia Calcio l’obbligo di disputare una gara senza la presenza di propri sostenitori;

2) di comminare alla medesima società un’ammenda di Euro 200 con diffida. L’entità delle sanzioni è stata ridotta per il fattivo comportamento di propri tesserati.

Celestino Ieronimo