Il Campobasso rallenta la corsa verso i playoff. Con la Jesina è 1-1

Cogliati dopo il pari. Ph. M. Silla
Cogliati dopo il pari. Ph. M. Silla

CAMPOBASSO. Il Campobasso non va oltre il pareggio contro la Jesina. Un risultato che i marchigiani hanno ampiamente meritato al termine di una gara grintosa, giocato alla pari con i molisani, apparsi meno incisivi che in altre occasioni, complice anche il terreno di gioco pesante.

Il pari rallenta la corsa ai playoff della formazione di Bagatti. Corsa, che aveva avuto un altro brusco stop in settimana, dopo la decisione del giudice sportivo di far ripetere la gara di Francavilla.

 

Le scelteBagatti è squalificato, così come il suo vice Minadeo, in panchina c’è l’allenatore della Juniores Giovanni Piccirilli. I rossoblù sono privi di Lo Bello e capitan Danucci squalificati, ma ritrovano Magri. Di Paolo sostituisce Danucci. Due, Bordo e Fracassina in luogo di Matinata e Barbetta, le novità di Ciampelli rispetto agli undici che hanno impattato 0-0 contro il San Nicolò.

 

Primo tempo – Si gioca in una giornata fredda, sugli spalti circa 500 spettatori. Il primo tentativo è dei locali, angolo di Giacobbe, colpo di testa di Di Paolo con la palla che si spegne sul fondo. Al 12’ gol annullato alla Jesina: Yabré se ne va sulla destra, entra in area e mette al centro un cross sul quale si avventa l’ex di turno Cruz che, di sinistro, supera Sposito. Tutto inutile, perchè l’assistente sotto la tribuna alza la bandierina, segnalando il fuorigioco.

Capovolgimento di fronte e per poco Giacobbe non beffa Anconetani con un pallonetto che si stampa sulla parte alta della traversa prima di finire sul fondo. Al 23’ ci prova Bordo con una punizione dai 25 metri, palla alta sulla traversa. Sessanta secondi dopo, tiro-cross di Ricci, Cruz tenta la deviazione anticipato da Sposito che rimane a terra dopo il contatto con l’attaccante ospite.

I marchigiani giocano con grinta attuando un pressing che mette in difficoltà i molisani, sono ancora loro al 32’ a impegnare Sposito con un tiro-cross di Ricci, che il portiere rossoblù è costretto a deviare in angolo. La supremazia ospite si concretizza al 33’ cross dalla sinistra di Bordo, sponda di Cruz per un liberissimo Fracassina che di destro batte Sposito.

Il Campobasso ha la fortuna di trovare il pari dopo soli tre minuti. Giacobbe, ancora una volta determinante come uomo assist, dalla sinistra vede e serve Cogliati, che sbuca dietro i difensori biancorossi e di destro fa secco Anconetani prima di andare a festeggiare sotto la curva nord, tempio dei tifosi rossoblù.

Pochi minuti dopo, Tommasini è costretto a lasciare il campo a Calzola per infortunio. Prima del riposo ammonito Ranelli.

 

Secondo tempo – La ripresa si apre con il tentativo, senza fortuna, di Trudo. Al 10’ il Campobasso resta in dieci: Ranelli commette fallo su Pasqualini, secondo giallo ed espulsione per il centrocampista rossoblù.

Bagatti, dagli spalti, ordina l’ingresso di Di Lauri per Di Paolo. La decisione dell’arbitro scatena le proteste dei tifosi e dei giocatori rossoblù che s’innervosiscono, in pochi minuti Alessandro e Calzola finiscono sul taccuino dei cattivi. Gli ospiti cercano di approfittare del momento  ma Mancini, al 20’ non riesce la deviazione da pochi passi su punizione di Bordo, che due minuti dopo ci riprova, questa volta calciando direttamente in porta, palla sul fondo alla destra della porta difesa da Sposito. Bagatti capisce che così non può continuare e tenta la soluzione Musetti, in campo dopo più di un mese, con il chiaro intento di dare più peso in avanti.

Nel frattempo cresce il nervosismo in campo, in pochi minuti, Munerati, discutibile la sua gestione dei gialli, ammonisce in successione, Ricci, La Barba e Martedì.

Ciampelli vuole i tre punti e richiama Cruz e Trudo per Pierandrei e Villanova. Nel Campobasso entra anche Islamaj per Salvatori.  Al 41’ ci prova La Barba a sorprendere Anconetani, palla sul fondo. Due minuti dopo, contropiede ospite con Pierandrei che va al tiro, bravo Sposito a parare.

In pieno recupero, occasionissima per la Jesina: Zannini rimette al centro un invitante pallone sul quale Pierandrei non arriva per il più facile dei gol. L’ultima conclusione è di Villanova su punizione che termina sul fondo. Finisce 1-1 con un po' di amarezza tra i tifosi rossoblù che si aspettavano qualcosa di più.

Adesso testa a mercoledì, quando al Nuovo Romagnoli arriverà la Sangiustese che nell’anticipo di sabato ha sfiorato l’impresa in casa della capolista Cesena. La formazione di Senigagliesi è stata ripresa al 97’. Un osso duro per i ragazzi di Bagatti.

Celestino Ieronimo

Leggi altre notizie:JESINA CITTà DI CAMPOBASSO