Orgoglio Campobasso, da 2-1 a 2-4. Decisivo Del Duca

Virtus San Nicolò-Campobasso
Virtus San Nicolò-Campobasso

C’è Pietromaria Del Duca in copertina per il Campobasso. La sua doppietta trascina i rossoblu alla vittoria nella trasferta contro una formazione ostica come la Virtus San Nicolò che seppur sconfitta, non ha affatto demeritato. E' la sesta vittoria esterna stagionale della compagine di Foglia Manzillo che rilancia le sue ambizioni playoff dopo i due pareggi nelle ultime due giornate. Quella di oggi è stata la vittoria del cuore e dell’orgoglio, conquistata in un finale che non ha dato scampo agli abruzzesi, che dopo il vantaggio di Bontà, stavano pregustando un risultato di prestigio.

CRONACA – Il rientro di Del Duca consente a Foglia Manzillo di confermare Gomes Ferreira al centro della difesa al posto dello squalificato Benvenga. Bolzan e Amabile sostituiscono gli altri due appiedati, Capozzi e Varsi. Del Prete e Strianese tornano titolari. Nella Virtus è sempre assente l'infortunato Massetti. Montani, si affida allo stesso undici schierato a Vasto.

Avvio di gara abbastanza equilibrato, il Campobasso al decimo minuto passa: punizione dalla destra di Gerardi che pesca in area Del Duca che di tacco batte l’incolpevole Cannella. Inizio migliore non poteva esserci per i rossoblu. La Virtus non si disunisce e comincia a venire in avanti alla ricerca del pari, la reazione non produce pericoli per la retroguardia ospite. I locali al 22’ reclamano un calcio di rigore per un presunto fallo di Danucci ai danni di Liguori: l’arbitro, tra le proteste dei locali, lascia proseguire. La gara è vivace, la Virtus si fa vedere con diversi cross che non impensieriscono più di tanto la difesa ospite, i rossoblu rispondono con la velocità di Kargbo. Al 37’ a protestare sono i molisani che vorrebbero il rigore per un presunto fallo si Gerardi. Anche in questo caso l’arbitro fa proseguire. Al 41’, ci prova Giampaolo in rovesciata, palla sul fondo. Prima del riposo i locali pareggiano: fallo di Danucci su Liguori. Questa volta, per il sig. Baronti, ci sono gli estremi per la massima punizione. E’ lo stesso Liguori che si presenta sul dischetto, Landi intuisce e respinge, sulla palla si avventa lo stesso Liguori che non fallisce per il gol del pareggio. Proteste dei molisani che volevano la fine del tempo al momento della parata di Landi. L’arbitro convalida la rete e decreta il finale del primo tempo.

La ripresa è meno vivace del primo tempo, la prima azione pericolosa capita al 15’ ai locali con Moretti che si presenta davanti a Landi che si supera e per due volte si oppone alle conclusioni dell’attaccante. Sette minuti dopo i locali passano: Punizione di Petronio, sponda di De Santis, palla che arriva a centro area dove Bontà è il più lesto di tutti a deviare alle spalle di Landi. Lo svantaggio costringe Foglia Manzillo a cambiare: fuori Bolzan e Gerardi per Marzano e Ribeiro. Campobasso a trazione anteriore e i vantaggi si vedono subito perché i lupi assumono il comando del gioco e si portano con insistenza dalle parti di Cannella. In una di queste azioni ottiene un calcio di rigore per un fallo, piuttosto ingenuo, di Mozzoni su Balistreri che lo stesso attaccante trasforma.  Due minuti dopo è ancora Landi a salvare il Campobasso dalla capitolazione, anticipando in uscita Mozzoni. La svolta arriva tre minuti dopo, ed è una svolta felice per i molisani perchè Del Duca salta più in alto di tutti e batte Cannella per il nuovo vantaggio ospite. Doppietta per il difensore sempre più decisivo. Le sorprese non finiscono perché a cinque dal novantesimo, con i locali protratti in avanti alla ricerca del pareggio, i rossoblu vanno di nuovo in rete con Kargbo servito da Marzano. E’ la rete del definitivo 4-2, che consegna il sesto risultato utile consecutivo al Campobasso, che con questa vittoria si porta a meno cinque dalla zona playoff e domenica aspetta al Nuovo Romagnoli il Castelfidardo, in una gara che potrebbe decidere molto della stagione rossoblu. I tifosi possono ricominciare a sognare.

 IL TABELLINO DEL MATCH

I RISULTATI DELLA 24ª GIORNATA

LA CLASSIFICA AGGIORNATA

Celestino Ieronimo